Primo piano

Festival Boreal: dov’è la festa? ;-)

festival boreal

E’ ormai tutto pronto per la seconda edizione del Festival Boreal, quest’anno organizzato in Italia. Una dozzina i movimenti nazionalisti che parteciperanno alla tre giorni stracolma di pensiero non conforme, tavole rotonde e conferenze. Ma anche sano e cameratesco divertimento. A stretto giro il programma definitivo.  Insomma, tuttapposto. Solo una richiesta agli amici giornalisti, in particolare quelli de Il Giorno: le date ce le abbiamo ma non sappiamo ancora il posto…se lo trovate prima di noi, fateci un trillo!

Merci beaocoup, dankie, koszonom, tack, спасибо, thanks, gracias, hvala, dziekuje, grazie! 😉

Gli inglesi che ci piacerebbe avere al Festival ;-)

bnp_logo

Stiamo arrivando…Keep calm and carry on!

boreal

Pisapia: “mai raduni di ultradestra a Milano” Boreal Festival: Milano capitale neraRaduno ultra destra europea a Milano: Pisapia: eviteremo questo sfregioMilano capitale nera: a settembre il Festival dei gruppi di ultra destra di tutta Europa –  Milano nera: la città di Pisapia è diventata il punto di ritrovo dell’estrema destra europeaNo al raduno dell’ultra destra: la sinistra dà ordini al PrefettoMilano, Pisapia: raduno estrema destra a Settembre non sarà tolleratoBoreal festival a settembre: è polemica per il raduno dell’ultra destra a MilanoMilano diventa la capitale dell’ultra destraFascisti: l’estrema destra europea convocata a Milano in settembreUltradestra: tre giorni di raduno europeo a settembreMilano: a settembre va in scena il Festival boreal, raduno dell’estrema destraBoreal Festival, raduno fascista a Milano, la reazione di Pisapia.

Tollerano tutto ma non gli avversari

pl

Il sindaco si scopre intransigente all’incontro dei nazionalisti, ma i centri sociali possono devastare e occupare

E in una certa misura possiamo capirlo, considerando il personale curriculum politico del sindaco, le pressioni che sta subendo a sinistra, dal Pd all’immancabile Anpi a Sel, il suo partito, e non potendo trascurare l’eventualità, anzi la certezza, che i centri sociali si sentirebbero obbligati a fare visita, con inevitabili truculente conseguenze, ai «nazi-fascisti» radunati non si sa ancora dove.

Sì, perché per ora «Milano nord» è la vaga e ambigua indicazione, quindi forse anche fuori Milano, eventualità che toglierebbe a Pisapia la possibilità di intervenire «con tutti gli strumenti, anche a livello legale, per evitare che ci sia questo sfregio alla città». Benché, secondo lui «non dovrebbero radunarsi da nessuna parte». In queste parole e in questi toni si sentono echi degli anni Settanta quando all’estrema destra era negato, in tutti i modi, anche il diritto all’esistenza. Dunque possiamo capirlo, dicevo. Ma sarebbe più corretto dire che potremmo capirlo se, oltre a fare così virulenta esibizione di fede antifascista, Pisapia mostrasse anche una certa coerenza. Giacché un autentico e profondo antifascismo non può che provare ripugnanza per ogni forma di violenza e di incitamento alla violenza, non può che trovare insopportabile ogni forma di sopraffazione e sopruso, non solo fisico ma anche verbale.

Perciò oggi il Pisapia che vuole impedire il «Festival Boreal» sarebbe più credibile se avesse cercato di impedire o almeno apertamente condannato tutti quei cortei e quelle manifestazioni che si lasciavano alle loro spalle una scia di sfregi alla città – quelli sì, reali. Quando centri sociali e anarco-insurrezionalisti sfilano per le strade, oltre a fare appello con i loro slogan alla violenza (ma contro i «fascisti» e i «padroni», naturalmente) nel migliore dei casi deturpano e imbrattano tutto quello che trovano sulla strada, nel peggiore sfasciano qualche vetrina. Anche questa è violenza, che deve essere condannata senza riserve mentali o ideologiche. Per evitare quegli «sfregi alla città» bisognerebbe intervenire «con tutti gli strumenti, anche a livello legale».

Ma Pisapia non lo ha mai fatto, certo per convinzione personale ma anche perché la sua area politica non apprezzerebbe. Peccato perché se lo avesse fatto oggi la sua ostilità al raduno di estrema destra sarebbe più credibile. E ancora di più se avesse manifestato il suo antifascismo in occasione della cerimonia di chiusura del Ramadam con l’imam Sheykh Riyad Bustanji, noto per esaltare la vocazione al martirio dei bambini palestinesi, per ammirare le madri che così li educano, per considerare Israele uno stato criminale. Anche questo è fascismo, anche contro questo Pisapia avrebbe dovuto schierarsi per essere oggi credibile. Non lo ha fatto.

http://www.ilgiornale.it/news/milano/tollerano-tutto-non-avversari-943593.html