Ramelli 2014

FORZA NUOVA in merito alle tensioni che si sono registrate in queste ultime ore relative l’organizzazione del corteo in memoria di Sergio Enrico e Carlo, sente il bisogno di chiarire alcuni punti fondamentali nella speranza di rimettere ogni tassello al suo posto, con l’unico vantaggio ed interesse ad avere quest’anno un corteo ancora più bello, vissuto ed unitario nel ricordo dei Camerati caduti.

FORZA NUOVA ha delegato suoi dirigenti nel gruppo dei Camerati che ogni anno si fa carico dell’onere e dell’onore di organizzare il corteo unitario del 29 Aprile.

Al di la delle singole letture e specificità, FORZA NUOVA è parte solidale ed indivisa a quanto il gruppo degli organizzatori in quest’anno difficile e complicato si è trovato e tutt’ora si trova nella condizione di dover gestire e decidere.

Tutte le tensioni che si sono registrate da molti camerati relative la possibile assenza delle nostre bandiere dal corpo del corteo, rafforzano e corroborano gli sforzi che il gruppo di lavoro per il Corteo del 29 Aprile sta conducendo fino alla fine per garantire e tutelare la dignità e l’onore del ricordo dei caduti e dello svolgimento del nostro corteo.

Chiariamo che il gruppo dei camerati che stanno gestendo questo difficile passaggio con la Questura mai ha pensato di snaturare, diminuire o svilire il Corteo del 29 Aprile. Tutti hanno lavorato per difendere il diritto alla memoria dei nostri Camerati, la dignità del Corteo e l’unicità dello stesso in tutto il panorama Italiano … ovvero la sua unitarietà.

Chiediamo a tutti i Camerati di stare tranquilli e sopire ogni polemica. Non permetteremo a nessuno di violare la sacralità e l’ordine di sempre nello svolgimento della nostra manifestazione.

Chiediamo a tutti i Camerati di essere presenti, quest’anno ancor di più … perché è con il solo numero in piazza che sarà garantito il successo del corteo unitario.

Le fughe in avanti non sono utili in questo momento ed il legittimo desiderio di non veder ammainate le nostre bandiere è sentito e condiviso in senso unanime da tutto il gruppo organizzatore.

In queste ore delegati degli organizzatori sono impegnati in ulteriori trattative con la Questura, il cui scopo non è negoziare altro che la tranquillità del corteo … non certo la sua dignità nello svolgersi.

Chiediamo a tutti, in questi gironi difficili e nervosi, un gesto di maturità e solidarietà al lavoro che si sta svolgendo. Chiediamo di rimanere tutti uniti, compatti e presenti !

Non c’è bisogno ora e non ci sarà bisogno il 29 Aprile di portare altre bandiere che quelle che il gruppo organizzatore, come sempre, porterà.

Nulla è perduto, nulla si perderà.

L’organizzazione del corteo del 29 Aprile è sempre stata difficile … quest’anno gli accadimenti hanno reso il percorso ancora più complicato e faticoso. Ci sono camerati che stanno giocando se stessi in prima persona, ogni scelta e decisione è stilla di sangue, compiuta con autentica buona fede e sentendo la responsabilità di compiere scelte che riguardano un’intera comunità militante oltre che la memoria storica del ricordo dei nostri Caduti.
Chiediamo ancora una volta una mano a tutti nella gestione della piazza del 29 Aprile … come gli altri anni sarà un momento sacro … in cui l’unico obiettivo rimane l’omaggio a chi è caduto per l’idea!

Forza Nuova Milano

Print Friendly, PDF & Email