In controtendenza rispetto al forte allarme sociale causato dall’incremento esponenzale e non controllato dell’immigrazione, ambienti interni al PdL si stanno facendo promotori dell’ introduzione, nel nostro sistema legislativo, dello “ius soli”.
Questa concezione giuridica consentirebbe, automaticamente, a chiunque nasca su territorio italiano di acquisire la cittadinanza e ai suoi genitori l’immediata residenza, e poco dopo, la cittadinanza.
L’ Italia, fino ad oggi, ha seguito un diverso orientamento: lo Ius Sanguinis. Solamente nascendo da genitori italiani si è cittadini; secondo un’ idea della cittadinanza, basata su sangue, cultura e Fede. La cittadinanza vuole una continuità tra i nostri padri noi e i nostri figli che trova conferma in costumi, in una fede religiosa ed in una tipologia fisica comuni.
Lo ius soli è figlio di una visione cosmopolita, adatta a nazioni senza storia nè cultura che necessitano popolarere vasti territori con genti di tutte le razze e di tutte le fedi. Esempio tipico: gli USA.
La Gran Bretagna, già istituendo il Commonwealth, fece l’ enorme errore di concedere la cittadinanza a popolazioni di tutti gli angoli della terra e, addirittura, fino al 1983, la concedeva a tutti coloro che nascevano sul suo territorio. Accortasi del disastro, reintrodusse lo ius sanguinis. Troppo tardi.
In pochi decenni Gran Bretagna e Francia sono arrivate a ospitare, a causa dello ius soli, 7/8 milioni di nuovi cittadini. La pace sociale ne è risultata minata. Le gravi e ricorrenti rivolte nelle banlieu francesi e nelle inner cities britanniche dimostrano inequivocabilmente l’ostilità di questi “nuovi cittadini” verso gli Stati che li hanno, incautamentte, adottati.
Secondo Forza Nuova è cittadino italiano solamente chi ha almeno un genitore italiano oppure è un europeo di religione cristiana, che ha vissuto almeno dieci anni in Italia: la sua origine e venti secoli di comune storia lo rendono compatibile ed assimilabile.
Il tentativo, sponsorizzato da Fini e dall’ala “radicale” della PdL, è mosso da una concezione antinazionale che non risponde alla nostra tradizione giuridica e rischia, in una fase di calo demografico degli italiani, di trasformarci in un paese con 40 milioni di vecchi italiani sempre più sterili e 15 milioni di nuovi italiani sempre più prolifici.
Forza Nuova ritiene che:

1) l’Italia non debba assolutamente abbandonare lo ius sanguinis;
2) l’immigrazioe debba essere bloccata e tutti coloro che hanno commesso reati o siano clandestini, allontanati immediatamente;
3) lo Stato italiano debba incentivare la nascita di bambini italiani come altri stati europei stanno facendo da anni con evidenti e positivi risultati

On Roberto Fiore

Print Friendly, PDF & Email