Articolo di Saverio Ferrari di “osservatorio democratico

Più volte partiti di sinistra e associazioni democratiche, dal PdCI alle ACLI, hanno, in questi ultimissimi anni, posto con forza il problema dello scioglimento di Forza Nuova. Dopo i gravi fatti accaduti a Verona, questa eventualità torna a riaffacciarsi. Esaminiamola, a partire da un excursus sui precedenti storici, sfatando subito alcuni luoghi comuni, presenti anche a sinistra, sull’inutilità di certe misure.

ORDINE NUOVO E HAMMERSKINHEADS

Quando si arrivò, pur con grave ritardo, sulla base della Legge Scelba, nel novembre del 1973, allo scioglimento di Ordine Nuovo si disarticolò nel concreto una formazione della destra eversiva. L’efficacia allora fu indubbia. Basterebbe rileggersi le moltissime testimonianze, proprio degli stessi aderenti a Ordine Nuovo, che ebbero modo di parlarne. Iniziò certamente da allora una delle crisi più profonde della destra radicale. Lo scioglimento di Avanguardia Nazionale, più tardi, nel 1976, non fece che appesantire la situazione. Questa decisione non fu la causa del passaggio di Ordine Nuovo al terrorismo, già pienamente praticato da questa stessa organizzazione fin dalla seconda metà degli anni ’60. Tanto meno lo scioglimento originò Ordine Nero, sigla sulla cui genuinità si è sempre avuto ben più di una ragionevole sospetto. In anni più recenti, attraverso la legge Mancino, si congelarono invece alcune tra le più pericolose organizzazioni di stampo razzista, nate sull’onda del movimento naziskin: Azione Skinheads a Milano, il Movimento Politico di Maurizio Boccacci a Roma, Hammerskinheads sul territorio nazionale, oltre al Fronte Nazionale, fondato nei primi anni ’90 da Franco Freda, e sciolto nell’ottobre del 2000, al termine dell’iter giudiziario, da uno specifico decreto ministeriale. Veniamo ora a Forza Nuova.

I PROGRAMMI, I SIMBOLI E I DIRIGENTI DI FORZA NUOVA.

Sulla natura di Forza Nuova fanno fede: programma, simboli e dirigenti.
Programma e simboli si ispirano apertamente non solo al fascismo e alla Repubblica Sociale di Salò, ma anche ai peggiori movimenti razzisti e antisemiti degli anni ‘30, come la Guardia di Ferro rumena di Cornelius Codreanu, assunta da Forza Nuova come proprio esplicito riferimento non solo culturale, ma anche organizzativo. L’idea stessa della strutturazione in piccole cellule di 3-4-elementi, è direttamente mutuata da questa esperienza, così la loro denominazione: CUIB, da “nido” in rumeno. Un modello, che è bene rilevare, fu ancor prima di Terza Posizione, gruppo eversivo della fine degli anni ’70, anch’esso fondato da Roberto Fiore.
Ma Forza Nuova, nelle proprie manifestazioni, non esita nemmeno ad esibire emblemi del passato regime hitleriano. Sui giubbotti dei suoi aderenti, oltre alle croci celtiche, più volte sono stati fotografati i simboli ed i motti delle SS, come sui suoi striscioni compare il cosiddetto “dente” o “gancio del lupo”, che dir si voglia, già emblema di alcune divisioni delle Waffen-SS.
I massimi dirigenti di Forza Nuova, Roberto Fiore e Massimo Morsello, come è noto, si sono sottratti alla giustizia fuggendo all’estero agli inizi degli anni ‘80, inseguiti da pesanti accuse per associazione sovversiva e banda armata, poi trasformatesi in condanne definitive, o come nel caso di Piero Vassallo (autore già alla fine degli anni ’50 di un saggio in difesa dei criminali nazisti processati a Norimberga), provengono da Ordine Nuovo. Se non bastasse lo stesso Fiore, così come parte significativa dell’attuale gruppo dirigente di Forza Nuova, è oggi sotto processo a Roma per le attività dell’organizzazione razzista Hammerskinheads, in realtà il primo capitolo della costituzione in Italia di Forza Nuova.
Diversi, infine, gli esponenti rinviati a giudizio o condannati per i più svariati episodi di violenza o collegamento con la criminalità comune: a Torino (dove nel 2000 sono stati colti in flagrante due attivisti di Forza Nuova in procinto di dar fuoco ad uno stabile abitato), a Padova (città nella quale altri militanti e dirigenti sono stati tratti in arresto per rapina), a Roma (dove sono stati indagati “simpatizzanti” di Forza Nuova per gli attentati del 1999 al museo della Resistenza in Via Tasso e al cinema Nuovo Olimpia).
Nelle audizioni davanti alla Commissioni Stragi, rese solo di un paio di anni fa dal Prefetto Ansoino Andreassi, all’epoca a capo dell’UCIGOS, si parlò apertamente di potenzialità eversive di Forza Nuova e dell’esistenza al suo interno di un livello “occulto”.
Sarebbe certamente sensato non attendere oltre. La legge Mancino ha finalmente introdotto anche in Italia lo specifico reato di “diffusione di idee fondate sulla superiorità o sull’odio razziale o etnico”. In buona sostanza il progetto di Forza Nuova.

CHI E’ SAVERIO FERRARI?

Ex militante di Avanguardia Operaia, l’organizzazione comunista responsabile dell’uccisione di Sergio Ramelli e di numerose gravi aggressioni, compiute a Milano nella seconda metà degli anni ’70.

Nel 1985, nell’ambito dell’inchiesta e del processo relativi all’omicidio Ramelli (1975) e ad altri fatti di sangue, come l’assalto al bar di Largo Porto di Classe, avvenuto a Milano nel 1976, Saverio Ferrari, allora dirigente di Democrazia Proletaria, fu arrestato, processato e condannato alla pena di 5 anni e 6 mesi di reclusione, proprio in relazione alla devastazione del bar di Largo porto di Classe – ed al grave ferimento di alcuni avventori “colpevoli”, secondo il Ferrari e compagni, di essere “fascisti” – ed all’attività di schedatura condotta ai danni di numerose persone, ritenute potenziali obiettivi di cui l’antifascismo militante avrebbe dovuto occuparsi, emarginandoli socialmente e, se del caso, eliminandoli fisicamente.

Oggi, questo fulgido esempio di antifascista militante, democratico ed “osservatore” (dirige un sedicente “Osservatorio democratico“) milita in Rifondazione Comunista, partito per il quale si è più volte candidato alle elezioni, dove continua l’attività che evidentemente gli è più congeniale, quella appunto di schedatore di potenziali bersagli per conto della fetida bestia rossa e dell’infame sua progenie.

 

Print Friendly, PDF & Email